Come prepararsi all’arrivo dei Saldi – Parte II

8 novembre 201859

saldi rappresentano senza dubbio una grande opportunità di guadagno per gli e-retailer e, se organizzati con la giusta strategia, consentono non solo di incrementare i volumi di vendita ma anche di smaltire quei prodotti che sono rimasti invenduti durante la stagione, per fare spazio alla nuova collezione. Anche se sono ormai moltissimi gli acquirenti che attendono con trepidazione i saldi online, il successo non è affatto garantito: la concorrenza è tanta e solo i rivenditori che avranno giocato d’anticipo e che si saranno preparati adeguatamente riusciranno ad ottenere il massimo. Abbiamo pensato, quindi, ad alcuni consigli che ti aiuteranno ad affrontare al meglio il periodo dei saldi, attraendo sempre più clienti ed ottimizzando il tuo business.

Leggi qui la prima parte della nostra guida

Dato che i saldi portano grandi volumi di traffico, diventa essenziale ottimizzare il proprio sito internet in modo da renderlo pronto per gestire tale ondata. Bisogna, infatti, rendere quanto più possibile veloce e fluida l’esperienza d’acquisto per i potenziali clienti, evitando che questi si trovino a navigare in un sito lento o, ancora peggio, che va in crash. Estremamente importante, poi, diventa l’ottimizzazione per i dispositivi mobili: uno studio ha evidenziato come, già da un paio di anni, le ricerche effettuate attraverso smartphone e tablet hanno superato quelle fatte da pc. Ciò implica, di conseguenza, che se il tuo sito non è adeguatamente strutturato, non sarà in grado di , perdendo una buona parte della clientela. Un altro elemento che deve essere massimizzato è, inoltre, la velocità: il 47% delle persone, infatti, ha ammesso di abbandonare un sito web se le sue pagine impiegano un tempo superiore ai 3 secondi per caricarsi.

Per massimizzare ulteriormente l’esperienza utente e fare in modo che un numero sempre maggiore di visitatori possa trasformarsi in consumatori è importante, infine, prendere atto del fatto che la ricerca vocale sta sostituendo quella tradizionale. Si sta passando, infatti, dai motori di ricerca verso i motori di risposta che forniscono all’utente un solo risultato, che è quello che meglio risponde alla richiesta dell’utente, generalmente formulata attraverso una query a coda lunga. Bisogna, quindi, adeguare l’interfaccia del proprio sito ed ottimizzare le ricerche con le key-words a coda lunga in modo ad mantenere la posizione 0 (vale a dire essere il primissimo risultato della ricerca) e poter, così, battere la concorrenza.

ricerca vocale

Hai bisogno di ulteriori suggerimenti?
Contattaci subito per scoprire tutte le soluzioni e i prodotti che abbiamo pensato per te e per il successo del tuo sito web!