Marketing Emozionale: come rendere le tue newsletter…quasi commoventi

26 settembre 20181556

Al giorno d’oggi fare marketing online non è certo cosa semplice. Bisogna perciò analizzare nel dettaglio le strategie in maniera tale da essere certi di muoversi nel modo più corretto possibile. Ecco perché una concreta opportunità che si ha a disposizione è quella di sfruttare al meglio le emozioni. D’altronde ci sono stati veri e propri studi che hanno permesso di appurare quanto queste siano importanti nel determinare le scelte degli utenti. Motivo per cui l’obiettivo di chi vuole fare marketing emozionale è quello di dare degli inneschi emotivi, ovvero delle vere e proprie “esche” che possano risultare come qualcosa di molto attraente. E per capire ciò basta che ti soffermi qualche istante su alcuni prodotti che acquisti online e che di certo non sono fondamentali per la tua esistenza.

Per capire ciò è necessario partire da qualche esempio concreto per capire cosa voglia dire marketing emozionale tradotto nella realtà. Spesso prevale quindi la paura, quel senso di incertezza che cancella tutte le altre sensazioni. Quelle che vale la pena sfruttare sono le paure delle persone legate alla scadenza di un’offerta o il non iscriversi ad un certo programma fedeltà. O anche il senso di colpa che è quello che maggiormente potrebbe stimolarti a compiere un’azione. Ciò si traduce nella volontà di iscriverti in palestra nel momento in cui noti, ad esempio, campagne pubblicitarie che facciano leva su quanto possa essere buono eliminare la pancetta. Oltre ovviamente a tener presente che la gratificazione immediata è probabilmente l’elemento che fa la differenza. Sfruttare al meglio il marketing emozionale ti garantisce la possibilità di soddisfare tutto quello che le persone stanno cercando.

Non devi dimenticare che ci sono appositi strumenti che potrai sfruttare e con cui avrai modo di toccare con mano i benefici del marketing emozionale. Ad esempio, raccontare la storia o qualche aneddoto legato al prodotto. Oltre a dover necessariamente dare una presentazione dell’azienda oppure dare un volto alla stessa. Fino a dover considerare l’importanza del linguaggio: ci sono delle parole che vengono chiamate trigger e fanno scattare determinate emozioni. La cosa migliore che potresti fare è quella di dare un’occhiata ai competitor e alle loro recensioni in maniera tale da renderti conto come essi le sfruttino. Senza dimenticare quanto possano essere importanti elementi visivi che non ti faranno passare inosservato. Da considerare il font e i colori se pensi a contenuti come foto, oltre a poter puntare su appositi video che dovranno far capire al cliente che può vivere delle esperienze uniche.

Ti abbiamo convinto? Contattaci per ricevere un piano ad hoc per il tuo business!